Mafia: Dia confisca beni per 100 milioni

Mafia: Dia confisca beni per 100 milioni

Oltre 400 unità abitative per un valore complessivo superiore ai cento milioni di euro sono state confiscate dalla Dia di Palermo all’imprenditore edile, con interessi nel settore turistico alberghiero, Calcedonio Di Giovanni. Il provvedimento è del Tribunale di Trapani su proposta del direttore della Dia Nunzio Antonio Ferla. Secondo l’accusa, Di Giovanni, pur non risultando formalmente affiliato, sarebbe stato “contiguo” a Cosa Nostra, in particolare alla ‘famiglia’ Agate di Mazara del Vallo. Nel patrimonio confiscato, oltre a società con sedi a San Marino e Londra, c’è anche il noto villaggio turistico “Kartibubbo” di Campobello di Mazara, che avrebbe ospitato mafiosi latitanti. L’imprenditore, attraverso meccanismi fraudolenti, avrebbe avuto accesso a cospicui finanziamenti pubblici nazionali e comunitari coinvolgendo nei propri progetti anche interessi della mafia di Castelvetrano. Avrebbe evaso il fisco per oltre 60milioni di euro. A Di Giovanni sono stati imposti tre anni di sorveglianza speciale.

Advertisment

Articoli consigliati