Rubata la medaglia d’oro dell’olimpionico siciliano Garozzo

Rubata la medaglia d’oro dell’olimpionico siciliano Garozzo

“Non è stato un bel risveglio, su quel treno, la delusione è stata fortissima. La medaglia era custodita in uno scrigno e chi l’ha presa ha creduto di mettere le mani su qualcosa di materialmente prezioso. Per me lo era, perché la medaglia aveva il sapore di un percorso portato a termine, un ricordo da condividere negli anni. Ma io sono un ‘ansioso’ ottimista, quindi guardo al futuro e alle altre medaglie, che spero di poter conquistare”. L’olimpionico del fioretto, Daniele Garozzo, racconta così il furto dell’oro conquistato a Rio, una decina di giorni fa sul treno per Torino.
“Non è successo niente di grave – aggiunge l’azzurro – Se poi me la volessero restituire, la rimetterei nel posto dov’è giusto che stia, sul comodino vicino al mio letto”

Articoli consigliati