Passeggiate, yoga e tai chi sono una cura dopo l’infarto

Passeggiate, yoga e tai chi sono una cura dopo l’infarto

Una passeggiata al giorno, esercizi tesi a migliorare resistenza ed equilibrio, tai chi, yoga e persino le semplici faccende di casa. Questi alcuni esempi di attività che possono dare beneficio a chi ha problemi di cuore o è andato incontro a un infarto o un ictus. Possono fare parte, infatti, della riabilitazione cardiaca, che secondo l’American Heart Association è cruciale soprattutto a una certa età, laddove è possibile praticarla, per recuperare indipendenza, una migliore qualità di vita e impedire le ricadute. Eppure, negli Usa, solo un terzo o meno dei pazienti che potrebbero farla riceve questo tipo di cura. L’organizzazione statunitense che si occupa di ridurre le morti causate da problemi cardiaci e ictus, in una dichiarazione scientifica sulla rivista Circulation, evidenzia che l’attività fisica aiuta a ridurre i sintomi in pazienti con insufficienza cardiaca, infarti e ictus, e aiuta anche a migliorare le erosioni di forza ed equilibrio legate all’età, oltre a ridurre la fragilità. E ‘parte importante della cura, ma molti operatori sanitari si focalizzano più sui medicinali. “La riabilitazione cardiaca non è prescritta abbastanza spesso- evidenzia infatti Daniel E. Forman, che ha presieduto un panel che ha redatto nuove linee guida- quando si trattano pazienti cardiaci a 70,80 e 90 anni, gli operatori sanitari spesso si soffermano sui farmaci e le procedure senza considerare l’importanza di ottenere che i pazienti tornino sui loro piedi”.
“Quando raggiungono i 75 anni, circa la metà dei pazienti con malattie del cuore prendono più di 10 farmaci, con possibili effetti cumulativi che sono incerti e che possono essere debilitanti- conclude- si devono pesare i benefici rispetto ai rischi di ciascun farmaco, soprattutto se sembra contribuire a un livello più basso di funzionalità fisica”.

Advertisment

Articoli consigliati