Alcamo/ Donna operata al seno sbagliato

Alcamo/ Donna operata al seno sbagliato

Operata al seno, ma nel lato sbagliato, sarà costretta a un nuovo intervento d’urgenza per togliere un grosso nodulo che cresce giorno dopo giorno.

Vittima di questo nuovo, presunto, caso di malasanità come riporta il Giornale di Sicilia è una donna di 34 anni di Balestrate, G.D.M, che il 3 maggio scorso si è sottoposta a un intervento all’ospedale San Vito e Santo Spirito di Alcamo. La famiglia della giovane ha già incaricato un avvocato per far valere i propri diritti mentre dal nosocomio annunciano verifiche.

La vicenda ha inizio qualche settimana fa, quando la donna scopre di avere due noduli, di cui uno molto più grosso, nella zona destra del torace. Si rivolge al medico di famiglia, effettua delle ecografie in privato e alla fine il consiglio è di rivolgersi urgentemente a uno specialista. Anche lei verifica e conferma la presenza delle due «neoformazioni», di cui una di 44 millimetri, sul lato destro, noduli che in sostanza richiedono accurate analisi.

Il chirurgo, oltre alla biopsia, consiglia comunque di rimuovere subito i noduli, vista anche la loro dimensione. I familiari della ragazza decidono di dare fiducia al medico che l’ha visitata e di affidarsi direttamente a lei per l’operazione.

Il ricovero è fissato per il 3 maggio. L’operazione è prevista in mattinata e al termine la donna e la sua famiglia potranno fare rientro a casa. Tutto sembra procedere tranquillamente, ma conclusa l’operazione, in tarda mattinata, qualcosa non quadra.

La madre afferra la donna, diversamente abile e con problemi motori, dal fianco sinistro, quello in teoria sano, e l’aiuta a camminare, ma la ragazza accusa dei dolori. «Perché ti fa male se sei stata operata dall’altro lato?» chiede la madre. Da qui la scoperta di quello che per i genitori è un clamoroso errore.

Sul lato sinistro del petto risulta infatti un taglio mentre sotto il lato destro sono ancora presenti i due noduli, di cui uno, dicono i parenti, ben visibile a occhio nudo. I familiari decidono così di affidarsi a un legale.

Articoli consigliati