Statali, spunta l’ipotesi concorsone

Statali, spunta l’ipotesi concorsone

Un maxi concorso per ‘rimpiazzare’ i 500mila dipendenti pubbliciche nei prossimi quattro anni andranno in pensione. E’ questa l’ipotesi che starebbe valutando il governo: una staffetta generazionale che darebbe modo a tanti giovani di avere un posto nella pubblica amministrazione. A ventilare l’ipotesi è stato il sottosegretario alla Pubblica amministrazione Angelo Rughetti, parlando dal palco della Festa dell’Unità di Roma.

“500mila dipendenti pubblici nei prossimi 4anni andranno in pensione – ha detto il sottosegretario – Questa è una grande occasione per lo Stato con piano assunzioni giovani”. Il piano sarebbe ancora in cantiere, ma una volta messo a punto potrebbe segnare una svolta decisiva per il pubblico impiego, sbloccando di fatto le assunzioni.

Quanto all’uscita degli statali, parlando ai microfoni del Gr1 Rai Rughetti ha sottolineato che “non è prevista alcuna anticipazione per l’uscita degli Statali”. Secondo il sottosegretario l’ipotesi non è allo studio perché vorrebbe dire caricare un costo ulteriore sul bilancio pubblico. “Noi abbiamo davanti una grande occasione”, ha detto riferendosi ai 500mila dipendenti pubblici prossimi alla pensione e “questo budget può trasformarsi in nuovi posti di lavoro anche in maniera superiore a quelli che lasciano” ha aggiunto.

“Tante persone che lasceranno il posto di lavoro, e che possono essere rimpiazzate attraverso un grande progetto Paese – ha poi ribadito – che metta al centro i bisogni delle persone e faccia in modo che questi posti che si liberano diventino tante occasioni e opportunità per i tanti giovani”. Secondo Rughetti, “la Pubblica Amministrazione deve imparare ad assumere non per quello che serve a se stessa ma per quello che serve ai cittadini italiani”.

Articoli consigliati