Vulcano, studenti delle scuole ancora in sciopero. Interrogazione del consigliere Muscarà

Vulcano, studenti delle scuole ancora in sciopero. Interrogazione del consigliere Muscarà

Fanno sul serio gli abitanti di Vulcano che si sentono sempre più abbandonati dallo Stato e sono pronti a proteste eclatanti se continuerà a permanere il silenzio delle istituzioni. Intanto anche oggi niente scuola per i 21 alunni delle tre classi della scuola media che dovrebbero svolgere attività didattica in una unica classe a seguito dell’accorpamento.  I genitori con in testa Carlo Chiofalo hanno preannunciato una dura lettera di protesta che sarà anche inviata al ministro della pubblica istruzione Valeria Fedeli. In prima linea anche il consigliere comunale di minoranza Franco Muscarà che in una nota chiede a tutte le autorità competenti di attivarsi  per concedere in deroga, tra l’altro già concessa lo scorso anno scolastico, per la formazione di almeno due classi, per dare ai professori e agli alunni la possibilità di un percorso scolastico regolare e con la massima sicurezza. Il consigliere del gruppo “Vento Eoliano” ha scritto al sindaco Marco Giorgianni,  all’assessore alla Pubblica Istruzione Fabiola Centurrino  e al preside dell’Istituto comprensivo di Lipari Sezione staccata di Vulcano. “Si avverte – scrive Muscarà – quasi un senso di resa da parte di tante amministrazioni, una sorte di rassegnazione a non poter reagire, a non poter intervenire di fronte ad una vera catastrofe che presto si abbatterà sul nostro sistema scolastico. La composizione dell’organico di diritto diramata dall’ufficio scolastico per l’anno 2017/2018, ha fatto emergere causa la politica di tagli all’istruzione determinate dalle misure introdotte con la “Riforma Gelmini”, ha comportato una forte riduzione degli organici scolastici, con gravissimi disagi per il territorio, gli alunni, le famiglie e gli insegnanti. Le politiche di tagli all’istruzione hanno colpito soprattutto le realtà più piccole, in modo peraltro generico, senza prestare attenzione al singolo caso e senza condurre opportune analisi sulle esigenze di una realtà. In particolare la scuola secondaria di primo grado dell’Istituto comprensivo di Lipari, sezione staccata di Vulcano, si è vista assegnata una pluriclasse cosi composta: Prima media 8 alunni, Seconda media 2 alunni Terza media 11 alunni. Per un numero complessivo di 21 allievi, nonostante una precisa indicazione ponesse come 18 il numero di allievi per pluriclasse, in più non va trascurato il problema sicurezza, visto che non vi sono aule idonee, che possano ospitare tutti i 21 allievi. La formazione di pluriclasse con 21 alunni sarà il colpo di grazia a molte comunità, perché non è assolutamente accettabile che in una stessa classe possano trovarsi studenti dalla prima alla terza media, questa logica è al di fuori di ogni cognizione didattica e formativa”. E sull’isola si attende l’arrivo di “Striscia la notizia”.

Articoli consigliati