18 APRILE 1948 NASCITA DELLA BALENA BIANCA

18 APRILE 1948  NASCITA DELLA BALENA BIANCA

Quest’anno ricorrono più avvenimenti storici perché per una strana coincidenza o fatalità gli anni con l’8 finale sono stati più determinanti ed hanno lasciato una pagina di storia più rilevante.

Un brevissimo cenno:

Nel 1848gran parte dell’Europa è in fiamme pervasa da aneliti di libertà sulla spinta degli ideali mazziniani.

Ed infatti per primo insorse Palermo contro i Borboni il 22 gennaio;

il 22 febbraio Parigi per abbattere la monarchia;

il 15marzo insorsero Berlino e Budapest;

il 17 marzo Venezia;

il 18 marzo Milano.

Sempre nel 1848 vi furono eventi che influenzarono anche gli anni futuri:

il manifesto di Carlo Marx  sul Comunismo e l’assassinio di Pellegrino Rossi,presidente del governo dello Stato pontificio,avvenuto il 15 novembre,a seguito del quale il 24 novembre il Papa Pio IX abbandonò Roma per rifugiarsi a Gaeta.

Nel 1918 la fine della prima guerra mondiale con il compimento dell’unità d’Italia con il ricongiungimento dei territori di Trento e Trieste.

Il 1968 : iniziato in Francia con le contestazioni giovanili ed estesosi anche in Italia con l’intento di scuotere la classe politica per accelerare le riforme perché con i precedenti governi centristi,a seguito del voto del 18 aprile 1948,si era verificato un certo immobilismo,anche per scenari internazionali, che aveva frenato e mortificato le speranze e la voglia di nuovo manifestata col voto del 2 giugno 1946 per la costituente e la proclamazione della Repubblica.

Il 18 aprile 1948 si votò per  la elezione del primo parlamento della repubblica.

Fra le due elezioni vi fu un test elettorale importante :

la elezione della prima Assemblea Regionale siciliana avvenuta il 20 aprile 1947.

In tale occasione i partiti socialista e comunista presentarono unica lista con l’effige di Garibaldi ,denominata Blocco del Popolo ed ottennero centomila voti in più rispetto al 1946 ottenendo un terzo dei seggi  mentre la D.C. perse circa 245.000 voti (42%).

Forse tale esito della votazione o forse anche la voglia di assorbire le piccole formazioni ed i movimenti si opinione ,il PCI ed il PSI hanno ripetuto l’esperimento della unica lista con l’effige di Garibaldi,nelle elezioni nazionali, denominando la lista “Fronte Popolare”.

Il Fronte popolare che poteva contare sull’appoggio di molti intellettuali e di un forte sostegno delle organizzazioni sindacali,con riferimento alla elezioni della Costituente, partiva favorito con il suo 40 % dei voti rispetto alla DC che aveva ottenuto il 35%.

Nel costituire la lista unitaria non tennero conto i dirigenti social comunisti dello impatto psicologico che la stessa avrebbe avuto sui moderati e sulla piccola e media borghesia.

Non tennero conto delle mutate condizioni internazionali dopo il discorso di Truman del 1947 che aveva raffreddato i rapporti fra USA e URSS.

L’ostentazione della sicura vittoria fatta nei comizi del Fronte Popolare servì a galvanizzare la base social comunista senza produrre i necessari consensi ed ottenne l’effetto di incutere paura ai cattolici  che con i Comitati Civici  creati da Luigi Gedda iniziarono ovunque la propaganda porta a porta ed il pericolo comunista venne demonizzato oltre l’immaginabile. La DC venne presentata come unica e valida “Diga” contro i comunisti.

A molti elettori giunsero lettere dei loro parenti residenti negli Stati Uniti d’America con le quali li esortavano a votare Democrazia Cristiana.

Il suicidio del diplomatico ed uomo politico,Jan Masaryk,figlio del primo presidente della repubblica cecoslovacca sorta dopo la prima guerra mondiale,avvenuto nel febbraio 1948 nel mentre ricopriva l’incarico di Ministro degli Esteri del governo cecoslovacco presieduto dal comunista Gottwald,venne sfruttato abilmente dalla propaganda DC adombrando  che il suicidio nascondesse un delitto di Stato.

Il sorpasso del Fronte Popolare non ci fu che dal 40 per cento scese al 31 per cento.

Il sorpasso invece lo effettuò la DC che dal 35,2 per cento passò al 48,7 per cento  con un aumento di circa 5 milioni di voti e conquistando conseguentemente alla Camera ben cento deputati in più rispetto a quelli di due anni prima.

Dalle urne uscirono ridimensionati i liberali, i monarchici,i repubblicani,i socialisti ed altre formazioni minori.

Il voto determinò l’elefantiasi della Democrazia Cristiana  per avere assorbito molte forze della destra conservatrice che ne frenarono l’azione per cui si può fare risalire a tale data la nascita della Balena Bianca anche se il soprannome le venne attribuito molto dopo.

Quel voto produsse lunghi periodi di immobilismo nella crescita del paese e lunghi ritardi nella attuazione dei dettati della carta costituzionale .

E ciò anche perché per più tempo la “cittadella democratica”( così venivano definiti i partiti DC,PRI,PLI,PSLI) era assediata dai partiti che si identificavano in ideologie totalitarie di sinistra e di destra.

Luigi Celebre

Articoli consigliati