Milazzo, l’Area marina protetta alla ricerca di un logo

Milazzo, l’Area marina protetta alla ricerca di un logo

Il Consorzio di gestione dell’Area marina protetta ”Capo Milazzo” ha deciso di promuovere un concorso di idee finalizzato alla creazione del proprio logo, con l’obiettivo di assicurare immediata riconoscibilità ed unicità alle proprie attività. Il concorso è aperto agli Istituti e Licei d’istruzione secondaria superiore di Milazzo. La partecipazione al Concorso è gratuita. Ciascun Istituto potrà inviare uno o più progetti grafici. Referente del progetto sarà il Dirigente Scolastico, o suo delegato. A chiusura della selezione a cura della Giuria, la Scuola invierà all’AMP Capo Milazzo l’elenco di tutti i soggetti che hanno collaborato alla realizzazione del progetto grafico con l’indicazione del docente delegato. Le opere dovranno essere consegnate entro e non oltre le ore 13:00 del giorno 28 ottobre 2019 , completo di tutti i requisiti espressi nel presente bando pubblicato sul sito istituzionale del Comune e allegato al presente comunicato.
Il logo, oltre a contenere ovviamente l’espressione testuale “Area Marina Protetta Capo Milazzo” dovrà richiamare le origini del territorio tirrenico e trasmettere le peculiarità naturalistiche, storiche, culturali e paesaggistiche oltre che il valore che l’area marina protetta ha per la tutela del mare del promontorio del Capo di Milazzo; essere distintivo, originale e inedito, sviluppato espressamente per il concorso, esteticamente efficace, facilmente distinguibile e adattabile a diverse dimensioni, ingrandibile o riducibile, mantenendo sempre la sua efficacia, su qualsiasi superficie, sia nella riproduzione a colori che in bianco e nero;  avere un segno e lettering moderno (e/o contemporaneo) ed in linea con i competitor e le istituzioni nazionali ed internazionali; non infrangere o violare i diritti di terzi, inclusi copyright, marchi, brevetti e qualsiasi altro diritto di proprietà intellettuale. Le proposte progettuali, saranno esaminate da una Giuria composta da il presidente del consorzio, da un esperto in comunicazione e da un giornalista. Le proposte saranno valutate in base ai seguenti criteri: originalità: fino a 20 punti, facile lettura e forza comunicativa: fino a 50 punti, applicabilità/versatilità/economicità della realizzazione: fino a 30 punti. La Giuria potrà decidere insindacabilmente di non procedere alla nomina del vincitore nel caso ritenga che i progetti presentati non corrispondano ai criteri di valutazione previsti dal bando. All’Istituto l’AMP assegnerà un riconoscimento e materiale informatico da utilizzare nell’ambito della didattica per un valore max di euro 500.00.

Articoli consigliati