Concluso il Progetto Erasmus+ Staff “B.A.B.E.L. all’istituto Da Vinci

Concluso il Progetto Erasmus+ Staff “B.A.B.E.L. all’istituto Da Vinci

Si è concluso il Progetto Erasmus+ Staff “B.A.B.E.L. – Boosting lAnguages Beyond Expression Limits” a cui ha partecipato il Dirigente Scolastico, docenti e personale di segreteria. Il titolo sottolinea l’importanza delle lingue in grado di mettere le persone in contatto e garantire un proficuo scambio di conoscenze ed abilità, ed è con questo intento che l’ITET “Leonardo da Vinci” ha dato la possibilità a 20 persone dello staff di partecipare ad una mobilità transnazionale in Irlanda nella vivace e colorata cittadina di Galway sulla costa atlantica, già individuata come Capitale Europea della Cultura 2020.

Il progetto, articolato come corso strutturato e jobshadowing, della durata di 2 settimane si è realizzato in due periodi diversi: un primo flusso di docenti è partito a luglio ed un secondo flusso a settembre. I partecipanti hanno frequentato una scuola internazionale di lingue che ha dato loro l’opportunità di migliorare le abilità linguistiche per potenziare le attività CLIL ed acquisire metodologie di insegnamento attive. Tutti hanno quindi conseguito il certificato rilasciato dall’Ente ospitante attestante le conoscenze acquisite ed il Mobility Europass.

I fine settimana sono stati invece dedicati alla conoscenza delle bellezze del territorio circostante: le scogliere di Moher, la regione del Connemara con l’incantevole Kylemore Abbey, il tavolato calcareo del Burren, caratteristici villaggi di pescatori e le Isole Aran con il forte preistorico arroccato in cima ad una scogliera, luoghi e paesaggi diversi dai nostri. Non poteva mancare, poi, la visita alla capitale Dublino con la straordinaria biblioteca del Trinity College ed il quartiere del Temple Bar, un concentrato di caratteristici  pub irlandesi, bar, ristoranti, fast food, ma anche gallerie d’arte, centri culturali e cinema. Tutto il personale è tornato da questa esperienza arricchito ed ha potuto ampliare le proprie competenze linguistiche e relazionali. Certamente un’esperienza da ripetere vista l’ottima riuscita del progetto.

Articoli consigliati