CORONAVIRUS: CIG IN DEROGA, “IN POCHE ORE 15 MILA DOMANDE”

CORONAVIRUS: CIG IN DEROGA, “IN POCHE ORE 15 MILA DOMANDE”

“Oggi nel giro di poche ore sono state presentate in Sicilia circa 15 mila domande per la Cassa integrazione in deroga, il che fa presagire che i 110 milioni di euro finora previsti non saranno sufficienti: l’accordo siglato tra la Regione e le parti sociali va completato con un ulteriore intervento statale che metta sul piatto almeno altri 300 milioni, così come avevamo già chiesto”. Lo dice Nicola Scaglione, segretario della Cisal Sicilia, che ha partecipato oggi all’audizione in Quinta commissione all’Ars. “Gli uffici del Dipartimento Lavoro avranno il compito di istruire le pratiche da passare poi all’Inps per l’erogazione della Cig – spiega Scaglione – ma la procedura in alcuni punti è eccessivamente farraginosa: bisogna snellirla di più, creando per esempio un automatismo tra la presentazione della pratica e l’emissione del decreto e ammettendo non solo la firma digitale ma anche l’uso della Pec. Sono necessari dei correttivi per andare incontro alle esigenze delle aziende, specie quelle con meno di 5 dipendenti, così da ridare fiato a migliaia di famiglie”.

Articoli consigliati