Il drammatico passaggio dalla monarchia alla repubblica attraverso le notizie ANSA

Il drammatico passaggio dalla monarchia alla repubblica attraverso le notizie ANSA

Il drammatico passaggio dalla monarchia alla repubblica, dopo il referendum istituzionale del 2 giugno 1946, é stato ricostruito attraverso  le notizie diffuse, dal 2 al 13 giugno 1946, dall’ Agenzia Ansa.[1] 2 GIUGNO “Roma – Notizie pervenute all’Ansa dai più importanti centri italiani confermano che le operazioni di voto si sono svolte ovunque regolarmente e con notevolissima affluenza di votanti”. 10 GIUGNO La Corte di Cassazione proclama il risultato del referendum: a favore della repubblica voti 12.717.923; a favore della monarchia  voti 10.719.284; schede voti nulli 1.498.136. 11 GIUGNO – Roma – Il consiglio dei ministri si consulta.  Ha interpretato nel senso più corretto l’art. 2 del decreto del 15 marzo 1946 il quale fa sì che, proclamato l’esito del referendum, “ope legis” i poteri del capo dello stato debbano essere assunti dal presidente del consiglio. Nessun’altra interpretazione è possibile. La Corte di cassazione ha respinto le eccezioni riguardanti il quorum e la mancata votazione a Trieste e Bolzano, che non costituisce motivo per invalidare i risultati del referendum. (Ag. Ansa, 11 giugno, ore 15.30). 11 GIUGNO – Roma – L’opinione di re Umberto espressa al presidente del consiglio, è che la Corte di cassazione debba emettere in un altra adunanza il necessario giudizio definitivo prima dei passaggi dei poteri. – ORE 21.00. Difficile passaggio dei poteri dopo vari incontri del presidente del consiglio  De Gasperi con il re. I partiti invitano De Gasperi a uscire dalla situazione, prendendo rapidamente una decisione perchè l’incertezza è pericolosa per il Paese. La seduta prosegue nella nottata. (Ag. Ansa. 11-6- ore 14,30). 12 GIUGNO ORE 01.50 – Conflitto di interpretazione tra governo e Corona. – ORE 02.40 Il governo prende atto della proclamazione dei risultati comunicati dalla Corte di Cassazione. (Ag. Ansa. 12-6- ore 02.40). 13 GIUGNO ORE  01.45 – Il governo riafferma che la promulgazione dei risultati fatti dalla Corte di cassazione ha portato automaticamente alla instaurazione di un regime transitorio durante il quale, fino a quando l’Assemblea costituente non abbia nominato il capo provvisorio dello stato, l’esercizio della funzione del capo dello stato medesimo spetta “ope legis” al presidente del consiglio in carica. Tale situazione costituzionale, creata dalla volontà sovrana del popolo nelle forme previste dalle leggi luogotenenziali, non può considerarsi modificata dalla comunicazione odierna di Umberto II al presidente del consiglio.(Ag. Ansa. 13-6- ore 01.45) 13 GIUGNO – “Roma – Umberto II è partito oggi in aereo dall’aeroporto di Ciampino alle ore 16.07.  farà scalo a Madrid e proseguirà domattina per Lisbona” (Ag. Ansa, ore  18.45 . Seguiranno particolari). 13 GIUGNO ORE 22.30 – “AG. Ansa – Roma – Ecco il testo del proclama lanciato da Umberto II agli italiani prima di partire: “Italiani! Nell’assumere la Luogotenenza generale del Regno prima, e la Corona poi, io dichiarai che mi sarei inchinato al voto del popolo, liberamente espresso, sulla forma istituzionale dello stato. Eguale affermazione ho fatto subito dopo il 2 giugno, sicuro che tutti avrebbero atteso le decisioni della Corte di cassazione, alla quale la legge ha affidato il controllo e la proclamazione dei risultati definitivi del referendum. Di fronte alla comunicazione di dati provvisori o parziali fatta dalla Corte di cassazione; di fronte alla sua riserva di pronunciare  entro il 18 giugno il giudizio sui reclami e di far conoscere il numero dei votanti e dei voti nulli; di fronte alla questione sollevata e non risolta nel modo di calcolare la maggioranza, io ancor ieri ho ripetuto che era mio diritto e dovere di re attendere che la Corte  di cassazione facesse conoscere se la forma istituzionale repubblicana avesse raggiunto la maggioranza voluta. Improvvisamente, questa notte, in spregio alle leggi ed al potere indipendente e sovrano della magistratura, il governo ha compiuto un gesto rivoluzionario, assumendo con atto unilaterale ed arbitrario poteri che non gli spettano e mi ha posto nell’alternativa di provocare spargimento di sangue o di subire violenza. Confido che la magistratura, le cui tradizioni di indipendenza e di libertà sono uno delle glorie d’Italia, potrà dire la sua libera parola; ma non volendo opporre la forza al sopruso, nè rendermi complice della illegalità che il governo ha commesso, io lascio il suolo del mio paese, nella speranza di scongiurare agli italiani nuovi lutti e nuovi dolori. Compiendo questo sacrificio nel supremo interesse della Patria, sento il dovere, come italiano e come re, di elevare la mia protesta contro la violenza che si è compiuta: protesta nel nome della corona e di tutto il popolo, entro e fuori i confini, che aveva il diritto di vedere il suo destino deciso nel rispetto della legge in modo che venisse dissipato ogni dubbio e ogni sospetto. A tutti color che ancora conservano la fedeltà alla monarchia, a tutti coloro il cui animo si ribella all’ingiustizia, io ricordo il mio esempio, e rivolgo l’esortazione a voler evitare l’acuirsi di dissensi che minaccerebbero l’unità del Paese, frutto della fede e del sacrificio dei nostri padri, e potrebbero rendere più gravi le condizioni del trattato di pace. Con l’animo sereno colmo di dolore, ma con la serena coscienza di aver compiuto ogni sforzo per adempiere ai miei doveri, io lascio la mia Patria. Si considerano sciolti dal giuramento di fedeltà al re, non da quello verso la Patria, coloro che lo hanno prestato e che vi hanno tenuto fede attraverso tante durissime prove. Rivolgo il mio pensiero a quanti sono caduti nel nome d’Italia e il mio saluto a tutti gli italiani. Qualunque sorte attenda il nostro paese, esso potrà sempre contare su di me come sul più devoto dei suoi figli. Viva l’Italia!” (Ag. Ansa, ore 22.30) 13 GIUGNO ORE 24 – LA REAZIONE DEL GOVERNO – “Roma – La Presidenza del Consiglio comunica: “La partenza del re, avvenuta alle ore 15,40 da Ciampino, è stata con ogni cura tenuta nascosta al governo. Gli organizzatori della partenza, dovendo chiedere l’aeroplano al ministro dell’Aeronautica, gli telefonarono all’ultimo momento di non avvertire il presidente del consiglio, al quale avrebbero essi stessi fatta comunicazione. Il presidente invece ne fu avvertito da altra parte.  Poco dopo la partenza si è sparsa la voce che si stesse formulando un proclama. Questa sera infatti l’Ansa trasmetteva alle ore 22.30 il proclama del re al popolo italiano. “Il proclama è un documento penoso impostato su basi false e su argomentazioni artificiose. Esso afferma il falso quando definisce come semplice comunicazione di dati la proclamazione dei risultati del referendum fatta dalla Cassazione il 10 giugno. Esso mente quando parla di una improvvisa affermazione del Consiglio dei ministri avvenuta nella passata notte, circa gli effetti costituzionali della proclamazione. E’ vero al contrario che già nella notte del 10-11 giugno il Consiglio “prese atto della proclamazione dei risultati del referendum che riconosceva la maggioranza alla repubblica, riservandosi di decidere sui provvedimenti concreti che ne derivano. Dopo ciò e nonostante questa affermazione risolutiva il sovrano continuò a trattare col presidente del consiglio per i due giorni successivi circa la proposta di una delega dei poteri regi al presidente non denunciando in tale presa di posizione del Consiglio alcun “gesto rivoluzionario nè alcun “atto unilaterale e arbitrario”. Ieri mattina il sovrano mandava la nota lettera, la quale ignorava la proclamazione avvenuta dalla Corte di cassazione e costringeva così il governo a ribadire il suo punto di vista circa gli effetti costituzionali della proclamazione. A proposito di questo secondo ordine del giorno del Consiglio che il proclama del re parla di “gesto rivoluzionario e dell’assunzione unilaterale e arbitraria di “poteri che non gli spettano”, mentre nel testo dell’ordine del giorno non si parla affatto di effettiva assunzione di poteri, cioè dell’esercizio di essi, ma si fa solo la questione di principio circa la competenza. Anzi risulta evidente che il governo per far opera di concordia aveva differita la deliberazione dei provvedimenti, già annunziati lunedì scorso. Nessun pretesto quindi nè di accusare “di spregio alle leggi e al potere indipendente e sovrano della magistratura nè di aver posto il sovrano “nell’alternativa di provocare spargimento di sangue o di subire la violenza”. Egli avrebbe potuto tranquillamente continuare le discussioni e le consultazioni, oppure mantenere semplicemente le sue riserve. Gli uomini che stanno al governo e in particolare il presidente del Consiglio gli avevano dato fino all’ultimo la prova che desideravano e ricercavano tenacemente una soluzione pacifica. Bisogna aggiungere che il re personalmente aveva riconosciuto più di una volta la lealtà e la correttezza di tale atteggiamento, cosa che i compilatori del proclama sembrano ignorare. Il re poteva quindi attendere con serenità il giudizio sulle contestazioni e sui ricorsi da parte della Cassazione (la cui libertà il governo intende rispettare pienamente) senza temere soprusi e senza essere costretto a partecipare all’illegalità. I due ultimi periodi del proclama, quello che scioglie dal giuramento e quello che rivolge un saluto ai caduti ed ai vivi sono due periodi superstiti del proclama che Umberto aveva in precedenza preparato per un pacifico commiato. Ameremmo credere che quanto di fazioso e di mendace vi si è aggiunto in questa definitiva sciagurata edizione sia prodotto dal clima passionale e avvelenato degli ultimi giorni. La responsabilità tuttavia è gravissima e un periodo che non fu senza dignità si conclude con una pagina indegna. Il governo e il buon senso degli italiani provvederanno a riparare a questo gesto, rinsaldando la loro concordia per l’avvenire democratico della Patria. (Ag. Ansa, ore 24)

[1] L’ANSA era stata fondata il 15 gennaio 1945, sotto forma di cooperativa da 36 soci, editori dei principali quotidiani italiani per raccogliere, pubblicare e distribuire informazioni ai giornali ed alla radio, con criteri di rigorosa indipendenza, imparzialità e obiettività. Sostituiva l’Agenzia Stefani che aveva operato durante il periodo fascista.

Articoli consigliati