Barcellona tra i primi Comuni d’Italia ad approvare il Bilancio 2017

Barcellona tra i primi Comuni d’Italia ad approvare il Bilancio 2017

Nonostante la legge di bilancio per il 2017 ne differisca il termine al 28.02.2017, la Giunta Municipale ha approvato oggi lo schema di bilancio di previsione 2017-2019 ed i suoi allegati redatti in conformità alle più recenti disposizioni di legge.
Erano decenni che lo strumento contabile previsionale, il fondamentale documento di programmazione non veniva approvato prima dell’inizio dell’esercizio; negli ultimi anni l’approvazione era giunta financo a fine esercizio,
Più che un previsionale si approvava un consuntivo!
E’ il secondo anno, poi, in cui il documento contabile viene approntato applicando le disposizioni finanziarie introdotte dal D.Lgs. n. 118/2011 in materia di armonizzazione contabile degli enti locali: non più, dunque, un bilancio annuale accompagnato da una previsione triennale, ma previsioni di competenza articolate in un periodo triennale, rafforzate da una previsione “di cassa” per l’esercizio 2017.
Il 2017 conferma anche il passaggio dal vecchio Patto di Stabilità al “pareggio di bilancio”, che impone vincoli finanziari ancora più stringenti che in precedenza.
A completare il quadro programmatorio per il prossimo esercizio, preliminarmente al bilancio di previsione, sono stati approvati con separati provvedimenti, a termini di legge, anche il Piano Triennale dei lavori pubblici, il Documento Unico di Programmazione e la destinazione dei proventi derivanti da sanzioni per violazioni del Codice della Strada a termini dell’art. 208 del CdS.
Anche per il 2017, come già in quest’anno che sta chiudendo, si continuerà – per un importo di circa € 1.400.000,00 – nella copertura dei debiti per sentenze passate in giudicato (i debiti “fuori bilancio”), pesante eredità del passato, così da cercare di azzerare questo “macigno” che pesa sulla comunità e condiziona fortemente gli equilibri finanziari del Comune e le politiche di bilancio – commenta il sindaco Roberto Materia -. La necessità di provvedere ad estinguere questi debiti sottrae consistenti risorse che altrimenti potrebbero essere destinate ad investimenti, ovvero a politiche sociali e culturali, tuttavia le prospettive di sviluppo economico-sociale del territorio e della sua comunità non saranno trascurate: il cimitero, il ponte di Calderà, lo stadio “D’Alcontres-Barone”.
Né la Giunta ha trascurato la promozione delle attività culturali, cui sono dedicati specifici stanziamenti, e al Teatro Mandanici, per rinnovare i successi che sono stati conseguiti da quando è stata assunta la gestione diretta.
E’ propria di questa Amministrazione l’attenzione verso le fasce sociali più deboli, un’attenzione, purtroppo, che mal si concilia con la costante riduzione di risorse e con i vincoli di finanza pubblica, ma che comunque trova concreta manifestazione in stanziamenti che, sebbene inferiori rispetto a quanto avremmo auspicato, sono l’arma che possiamo utilizzare per rafforzare gli interventi del Piano di Zona del Distretto D28 nella lotta contro le povertà e il disagio sociale.
Una grande novità, perché segna una diversa attenzione alle questioni dello sviluppo del territorio e della tutela delle prospettive dei nostri giovani, è data dallo stanziamento previsto per la promozione delle start up, dell’imprenditoria giovanile innovativa!
Sono previsti 25.000 euro da utilizzare per attività di promozione imprenditoriale dei nostri giovani in settori innovativi, sperando che siano il seme da cui possa germogliare, anche in settori diversi da quelli tradizionali, la pianta della rinascita del nostro tessuto economico, per la nostra soddisfazione e il benessere dei nostri figli.
Lo schema di bilancio verrà adesso trasmesso al Collegio dei Revisori dei Conti per acquisirne il parere e poi al Consiglio Comunale per il seguito di legge.

Advertisment

Articoli consigliati