LA FIDAPA di MILAZZO E IL SUO SOSTEGNO ALL’AISM

LA FIDAPA di MILAZZO E IL SUO SOSTEGNO ALL’AISM

L’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) si è proposta obiettivi futuri per la ricerca e le problematiche logistiche di chi è affetto da malattie neuro muscolari degenerative e lotta per una vita piena e dignitoosa
La Fidapa ha condiviso le proposte e gli obiettivi dell’AISM e in collaborazione con il Consiglio Nazionale del Notariato e il patrocinio del Comune di Milazzo, ha promosso un Convegno al fine di spiegare e chiarire il significato del Lascito testamentario e le sue modalità .
La presidente Natascia Fazzeri ha dato inizio ai lavori con i saluti al suo Direttivo, alle Socie e alle Istituzioni che hanno sempre favorito e sostenuto con un lavoro sinergico le attività e i progetti della Sezione. Dopo aver ricordato ai presenti la funzione della FIDAPA e la Mission che la caratterizza ne ha sottolineato il carattere filantropico grazie al quale ogni forma di beneficio va intesa come espressione del programma umanitario che la Fidapa si prefigge
Nel presentare la tematica della serata la Presidente ha evidenziato come il sostegno della FIDAPA all’ AISM sia un ulteriore conferma della promozione della ricerca scientifica e degli orizzonti socio culturali da parte dell’Associazione e il lascito testamentario solidale rappresenta appunto
un’ espressione moderna di Filantropia.
Relatore di prestigio è stata la presidente dell’ Ordine Notarile il Notaio , dottoressa Maria Flora Puglisi che ha informato e rassicurato i presenti sulla tutela dei discendenti familiari nel caso di un lascito testamentario e,mentre il Notaio dottoressa Marina Magaudda ha illustrato le diverse tipologie di lascito testamentario ed espresso consigli sul lascito più opportuno
Il Convegno che si è svolto in forma snella , comunicativa ed interessante come il ricco dibattito che ne è seguito , è stato un incontro di riflessione e formazione volto a sensibilizzare ad ogni forma di beneficio in qualunque misura al fine di garantire a coloro che lottano con la SM un futuro più sicuro e a promuovere lo sviluppo della Ricerca Scientifica.

Rita Chillemi

Articoli consigliati