Stipendi d’oro, tornano i tetti all’Ars, domani la firma ma saranno esclusi gli straordinari

Stipendi d’oro, tornano i tetti all’Ars, domani la firma ma saranno esclusi gli straordinari

L’Assemblea siciliana si appresta a reintrodurre i tetti agli stipendi del personale. La maggioranza dei sindacati, secondo quanto scrive l’Ansa, è a favore della bozza di accordo approvata dal Consiglio di presidenza dell’Ars, a eccezione dei tre deputati che rappresentano il M5s. La firma è prevista domani, alle 11. Le sette sigle sindacali hanno sottoposto la bozza ai propri iscritti nel corso di apposite assemblea, l’indicazione è che la maggioranza ha condiviso la proposta presentata da Giorgio Assenza, il deputato-questore incaricato della trattativa dal Consiglio.

I tetti sono gli stessi di quelli contenuti nell’accordo che era scaduto il 31 dicembre scorso: 240 mila euro lordi per i dirigenti, 204 mila euro per gli stenografi, 193 mila euro per i segretari, 148 mila euro per i coadiutori, 133.200 euro per i tecnici e 122.500 euro per gli assistenti parlamentari. A differenze del precedente accordo, l’attuale proposta tiene fuori dal computo dei tetti le indennità di funzione e le voci straordinarie, come notturni e festivi.

Articoli consigliati